Russamento e apnee notturne nelle donne

Russamento e apnee notturne: un fenomeno che colpisce solo gli uomini o anche le donne?

La roncopatia non è esclusivamente di pertinenza maschile: ne soffre anche “lei”, soprattutto con l’arrivo della menopausa. Non solo, aumenta anche il numero di chi soffre di apnee notturne e in modo importante. Dati alla mano, infatti, prima dei 60 anni il 4-7% degli uomini e il 2-4% delle donne soffre di questo disturbo del sonno. Dopo i 60, invece, si azzerano le differenze e la percentuale si assesta per entrambi i sessi all’incirca all’11%.

Lui e lei: la differenza

Dimostrazioni scientifiche non ne esistono ancora a conferma dell’ipotesi, ma quasi sicuramente per le donne giocano un ruolo importante gli estrogeni. Lo dimostra nero su bianco, nella pratica, il picco di aumento relativo al russamento e alle apnee notturne che si verifica proprio in coincidenza con la menopausa, cioè quando cala drasticamente la produzione di questi ormoni femminili. Ma il crollo degli estrogeni non è sufficiente a giustificare il disturbo. Concorrono anche dei fattori che, se presenti, aumentano il rischio.

I fattori di rischio al femminile

Aumento di peso. Man mano che cala il livello degli ormoni femminili e soprattutto degli estrogeni, si modifica anche il metabolismo. In sostanza, le calorie non vengono più bruciate come durante l'età fertile, ma si depositano formando tessuto adiposo. I chili in eccesso però causano difficoltà respiratorie, con un aumento dei problemi di roncopatia e apnee notturne.

Fumare. Fuma la metà delle donne fra i 55 e i 65 anni d’età: un’altra ragione che spiegherebbe l’aumento dei disturbi tra le “over”. Il fumo crea uno stato di infiammazione cronica alle prime vie aeree e gonfiore alle mucose e di conseguenza una difficoltà al passaggio dell’aria durante la respirazione, che si manifesta soprattutto di notte in posizione sdraiata.

Alcolici e farmaci. Anche le donne consumano bevande alcoliche, molte volte in maniera eccessiva, tanto quanto accade per gli uomini. Risultato? Un eccessivo rilassamento del tono muscolare responsabile del russamento, peggiorato dall’utilizzo  di ansiolitici oppure psicofarmaci, che vengono assunti in misura maggiore con la menopausa.

Se riconosci uno o più sintomi, prova a svolgere il test online del sonno Stop-Bang, un quiz scientifico strutturato su 8 domande che ti permetterà di comprendere se hai i principali fattori di rischio legati alle apnee notturne. 

if you want to know more...